Skip to content

Posts tagged ‘bressanone’

8
ago

Valle Isarco – Un suggestivo villaggio per gli amanti della natura

Luson si trova alle porte delle Dolomiti in vicinanza di Bressanone – la città dei vescovi – in mezzo al verde infinito tra prati distesi e boschi infiniti. Una vacanza in un hotel nella Valle Isarco è come un tuffo nel passato quando il mondo andava ancora in un ritmo più lento, quando si viveva in sintonia con la natura. Dal piccolo villaggio si può fare un’infinità di escursioni. In montagna, alla suggestiva malga di Luson, un vero gioiello alpino che offre una vista panoramica mozzafiato e una cucina degna di ogni buongustaio. Oppure si partecipa alle escursioni organizzate che vanno a Merano, Bressanone e perfino a Verona a vedere l’opera nell’arena. Dopo un giorno lontano da Luson si ritorna volentieri all’hotel in Valle Isarco per farsi coccolare e respirare l’aria limpida. Ideale anche per chi arriva con i bambini che qui conoscono il senso della libertà.

Scopri la natur al Hotel Rosental in Valle Isarco

25
nov

Una città medioevale

La zona di Bressanone era abitata già all’età mesolitica ed era nel suo splendore nel medioevo. Soggiornando in un hotel a Bressanone si può esplorare la storia di questa città ancora oggi molto affascinante. Anche i romani abitavano qui ma solo dal 960 ebbe un forte sviluppo edilizio. Nel primo medioevo fu costruita una vera e propria città e i vescovi furono protagonisti di molti cambiamenti. Ancora oggi ha il flair del medioevo, si trovano tanti edifici storici. Da ogni hotel a Bressanone si arriva facilmente alle tre porte, la porta Sabiona, la porta San Michele e la porta Sole. Stupendo anche il palazzo municipale e il palazzo vescovile. Da vedere assolutamente le tante chiese, chiesette e i conventi. Chi s’interessa delle guerre mondiale trova un cimitero austro-ungaro. Il castello della famiglia Cusano si trova pochi chilometri fuori dalle porte di Bressanone e viene aperto nel periodo natalizio.

Una Proposta: Hotel Rosalpina vicino a Bressanone (sulla Plose)

6
ago

Ecco il benessere Bressanone

Non ho mai pensato che potessi ritrovare il mio benessere Bressanone, una città medioevale nella stupenda Valle Isarco. Quando ho prenotato avevo paura di finire in campagna e essere sola. Perciò avevo scelto Bressanone – comunque m’interessava sempre come luogo. Infatti è una città viva, con tanti musei, teatro, edifici storici da visitare come l’antico chiostro oppure il palazzo viscovale e chiaramente tanti eventi organizzati dalla città durante l’estate. Ma il mio benessere Bressanone ho ritrovato prima di tutto nello splendido albergo Rosalpina che è un vero gioiellino. Ma poi anche nella natura circostante che con tante passeggiate, molta gente che aveva gli stessi interessi come me che ho conosciuti e tanto riposo e relax nel albergo con bagni, massaggi e sauna. La scelta di stare nella natura ma lo stesso quasi in città – perché si trova ‘a due passi’ – era quella più giusta per me.

1
mar

Il Papa a Bressanone 2010

Le vacanze del Papa per il 2010 non sono ancora certe, però probabilmente trascorre le vacanze estiva 2010 a Bressanone. Benedetto XVI. È già arrivato 2008 per due settimane. 120 agenti di sicurezza assicurano il sui tranquillo soggiorno. Non è la prima volta che lui villeggia a Bressanone perché con la sorella e il fratello negli anni 70/80 ci già è venuto qualche volta – come si ricorda ancora qualche proprietario di ristorante. Si aspetta un bella folla di pellegrini perché anche 2008 è apparito due volte per il tradizionale Angelus il 3 e 10 agosto 2008. Si spera che non usciranno cose ‘strane’ come lo ‘strudel Benedetto XVI’ e che tutto si svolge con una certa tranquillità. E si spera a più turisti per i prossimi anni.

12
mag

L’arte medioevale del duomo a Bressanone

Un esempio splendido dell’arte medioevale si trova al chiostro del duomo di Bressanone. In mezzo ai vicoli stretti e nella vicinanza del palazzo dei principi-vescovi si erge un eminente duomo del XVIII secolo quando fu ricostruito in stile romanico. Incluso al duomo si trova il chiostro del XIV secolo. Il chiostro è ancora in stile romanico e ha delle volte a crociera con dei dipinti meravigliosi. Gli affreschi sono del periodo tra il 1390 al 1500 e mostrano delle opere della pittura murale del tardo-gotico. Tra loro spiccano fuori il dipinto dell’elefante nella terza arcata e uno nella 13ima arcata dell’adorazione dei magi. Il chiostro è accessibile, ma chiuso tra le ore 12 e le ore 15.

Anche la navata del duomo è ricca di dipinti e le pareti sono rivestiti con ben 33 marmi diversi. Spettacolari sono inoltre i tre organi antichi con un totale di 3335 canne.